Daidut Enduro News - Triveneto enduro

Camp. TRV Enduro – 19/10/2008 – Cavaso del Tomba (TV)

C-WEB Adv

(tratto da www.axiver.com)

Domenica 19 ottobre si è chiuso il sipario anche sul campionato triveneto. Una sesta ed ultima tappa corsa nei circondari di Cavaso del Tomba, comune trevigiano incastonato fra le dolci colline ai piedi di uno scenografico Monte Grappa tinteggiato di autunno. Un epilogo di stagione accomunato da 3 C. Cavaso, Campioni, Cominotto.


Cavaso oltre ai freschi Campioni delle Tre Venezie ha applaudito due veri fuoriclasse che con le loro prodezze hanno dato spettacolo infiammando gli animi del pubblico presente, il bresciano di HM Honda Zanardo Alessandro Botturi pluricampione italiano Assoluti classe 500 4T ed il friulano trapiantato in KTM Farioli a Bergamo Vanni Cominotto nonché entrambi esponenti della Maglia Azzurra Enduro. E proprio quest’ultimo ha dominato la scena assoluta precedendo di oltre dieci secondi il “Bottu nazionale” ed tutti gli altri 295 partenti al rush finale. Intitolata “1° Memorial  Enrico Schirato”, indimenticabile amico venuto tragicamente a mancare lo scorso 15 marzo nel corso di una gita in sella alla sua inseparabile moto, nonché socio del moto club La Marca Trevigiana, organizzatore che in collaborazione con i club Gaerne e Ardosa hanno dato vita ad una Triplice Alleanza vincente concretizzando un contesto di gara davvero impeccabile.

300×90 – DaidutEnduro ADV
300×90 – C-WEB Small Rectangle

Tre i giri da 52 km con due splendide Cross-Test, in località Caniezza e nel comune di Monfumo, apprezzate all’unanimità per la mutabilità di tracciato che hanno messo in evidenza i vari stili di guida dei protagonisti. In una bella giornata di ottobre bagnata unicamente dai brindisi si chiude così il Triveneto targato 2008 consacrando i nuovi campioni Marco Feltracco (Expert), Mattia Cargnel (Junior/Senior2), Piero Beghetto (Junior/Senior3), Christoph Gatscher (Major1), Raffaele Cecchetto (Major2), Stefan Schrock (Major3), Guerrino Zanardo (Veteran), Alessandro Dazzan (Cadetti 125), Nicolas Segnacasi (50 Cadetti) e La Marca Trevigiana che festeggia in casa il titolo tra le squadre e che vanno ad aggiungersi ai titoli consegnati in anticipo di Paolo Dalla Zuanna (Junior/Senior1) e del Cross Racing tra i Team Indipendenti festeggiati domenica 07 settembre a Pavia di Udine.
Una giornata di colpi di scena concentrati proprio nella parte alta delle rispettive classifiche ma soprattutto di personali riscatti di chi ha mancato il podio o peggio la vittoria finale quasi a voler preannunciare scintille per la prossima stagione.

Expert: padroneggiata da Cominotto e da Botturi ma esenti da punti perché associati a moto club non appartenenti al Triveneto, il massimo punteggio viene incassato dal campione tricolore major Marco Feltracco in sella all’Husqvarna 250 4t Visentin impreziosita dai colori del moto club Gaerne, giunto alle spalle dei due blasonati e vincitore della seconda prova speciale, che si aggiudica così il sesto titolo ai danni di Andrea Cabass (HM Honda) e Matteo Zecchin (Husaberg).
Junior/Senior 1(fino a 125 2t-fino a 250 4t):
Nonostante il titolo già in tasca Paolo Dalla Zuanna (KTM) non ha voluto deludere il pubblico di casa andando a centrare la sua quarta vittoria stagionale davanti ad un ottimo David Favero (KL-Kawasaki) che nonostante i due zeri riesce a salire in 4^ piazza in campionato. Terzo di giornata ma è medaglia d’argento finale per Luca Morettin (Suzuki). Mentre Antonio Filipuzzi (Suzuki) quarto domenica, conserva il terzo gradino di campionato.
Junior/Senior 2(da oltre 125 2t a 250 2t – da oltre 250 4t a 450 4t): assistito dalla logica visto l’infortunio dell’avversario Luvisetto costretto a fare da spettatore a Cavaso, il giovane Mattia Cargnel (KTM) conquista a mani basse vittoria e titolo non dimenticando di rimarcare pubblicamente il dispiacere per l’amico rivale sperando in un nuovo duello 2009. Alle spalle del velocista friulano un incredibile Marco Brunetta (KTM) che coglie il suo primo argento o inseguito da Michele Merz (HM-Honda) che scavalca per tre punti Marco Danelon guadagnando il secondo posto finale.

Junior/Senior 3 (oltre 250 2t-oltre 450 4t): niente da fare per Riccardo Cavalli (Beta). Il terzo posto di Cavaso alle spalle del vincitore Niccolà Pietribiasi (KTM) e Diego Nicoletti (KTM) non lo aiuta a colmare lo zero di Ovaro,  sfumando la vetta finale per soli cinque punti conquistata invece da Piero Beghetto che nonostante il quinto di giornata si laurea ufficialmente campione.
Major 1(fino a 125 2t-fino a 250 4t): Costa caro anche per Daniele Corrent (Suzuki) lo zero a Pavia di Udine, nonostante la bella vittoria di domenica il titolo lo intasca definitivamente il sudtirolese Christoph Gatscher (Yamaha) che favorito dal largo margine sugli avversari si laurea nonostante il sesto di giornata. Ottimo secondo Guido Chiavelli (HmHonda) mentre va a cingere il podio di giornata Daniele Rebellato (KL-Kawasaki) mentre è il consanguineo Michele a chiudere quello di campionato.
Major 2(da oltre 125 2t a 250 2t – da oltre 250 4t a 450 4t): Raffaele Cecchetto (Suzuki) campione in carica della M1 il friulano, quinto a Cavaso, conquista la seconda laurea consecutiva. Ma il protagonista di giornata è un impeccabile Matteo Zoppas (Husqvarna) che si mette alle spalle Marco Bucovaz (HM Honda) e Riccardo Fantin (HM Honda). Posizioni invertite per questi ultimi due in campionato.
Major 3(oltre 250 2t-oltre 450 4t): la battaglia Stefan Schrock (GasGas) e Piergiorgio Molon (KTM) vive l’ennesimo capitolo con quest’ultimo che vince la sua prima giornata ma consegna nelle mani del sudtirolese il titolo nonostante la parità di punteggio. Il regolamento prevede infatti che in caso di parità il titolo vada al pilota che possiede più vittorie e nulla ha potuto fare il padovano contro le tre conquistate da Schrock che a Cavaso chiude sul terzo gradino del podio. Argento invece per Gabriele Varutti (KTM).
Veteran(classe Unica, nati dal ’58 e prec.): primo successo stagionale per Cesare Bernardi (KTM) che riesce così a balzare sul podio finale spodestando Eugenio Dal Sasso (Beta) nonostante il suo ottimo secondo posto di giornata. Raggiunge finalmente la zona medaglie con un terzo posto Bruno Rebuli (KTM) ma è Guerrino Zanardo (HMHonda) a laurearsi campione triveneto con ben 17 punti di vantaggio sul campione in carica Gino Di Bernardo, solo sesto domenica.
Cadetti 50 cc: Obbiettivo centrato per il talentuoso Nicolas Segnacasi (HM), che incassa l’ennesima vittoria di classe su Filippo Buiatti (HM) conquistando il suo primo titolo. Terzo a sorpresa il promettente trevigiano Federico Oliana (Fantic) al suo esordio in campionato. Alla base del podio finale si conferma Riccardo Pezzetta (Fantic) nonostante il ritiro a Cavaso.
Cadetti 125 2t: proprio nella giornata conclusiva Luigi Martellozzo (KL-Kawasaki), protagonista di una stagione in crescita non riesce ad agguantare il titolo. A Cavaso non è uscito ad andare oltre al 4° posto scivolando così dal secondo al terzo posto finale. La giornata trevigiana è invece ad appannaggio di un ottimo Stefano Nappi (KTM) che lotta come un leone prevalendo sugli attacchi del leader Alessandro Dazzan (Suzuki) autore di un secondo posto che lo consacra per la prima volta campione triveneto.

Continua il periodo d’oro per  ancora per Autec-La Marca Trevigiana (Cavalli, Dalla Zuanna, Zecchin, Fantin) che nonostante il secondo posto di giornata alle spalle del moto club Gaerne, nonché detentore del titolo, guadagna il titolo a squadre che va ad incrementarsi al tricolore tra le squadre senior. Tra i Team Indipendenti ancora una vittoria  per il già laureato Il Cross Racing Team (Cabass, Feltracco, Hriaz).

In foto (Axiver): Primo titolo per Alessandro Dazzan (Suzuki-N.51) nella 125 2t Cadetti, Guerrino Zanardo (HM-Honda N.701) si conferma nella Veteran; Raffaele Cecchetto (Suzuki-N.501) dopo il titolo nella M1 conquista la seconda laurea consecutiva ma nella M2; Parità di punteggio tra Molon e Schrock (Gas-Gas N.604) ma è il secondo a laurearsi nella M3 per maggiore quantità di vittoria conseguite.

Lisa Facchin
Ufficio Stampa- ufficiostampa@axiver.com


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *